Dispersione implicita: cartellino giallo per i decisori politici

Dispersione implicita/2I sostenitori storici della valutazione di sistema (due nomi per tutti: Mauro Laeng e Aldo Visalberghi) la concepirono soprattutto come uno strumento di supporto alla decisione politica: una base informativa che consentisse ai decisori politici (Parlamento e ministri) di intervenire con opportune azioni volte a modificare il quadro di squilibri e profonde disuguaglianze che...

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Sottoscrivi ora un abbonamento a Tuttoscuola.com per avere accesso all'archivio completo

Sei già abbonato? Accedi